La soluzione su misura per il recupero degli scarti di pasta

Nel settore di produzione della pasta, la percentuale di prodotto scartato può arrivare al 10% della produzione totale, anche se in misura diversa a seconda del formato. Questi scarti di produzione, non adatti alla vendita o non conformi agli standard qualitativi, possono essere recuperati e reintegrati nel ciclo produttivo.

CMB, azienda del Gruppo Cusinato, progetta e realizza impianti di recupero sfridi che consentono di riutilizzare il prodotto di scarto nel processo produttivo.
La configurazione di questi sistemi è personalizzabile in base alle esigenze del cliente e prevede sempre tre fasi in sequenza:

  1. Frantumazione – il prodotto viene spezzettato in modo uniforme in pezzi più piccoli;
  2. Macinazione – i pezzi ottenuti vengono trasformati in un prodotto granulare;
  3. Setacciatura – il prodotto rimacinato viene selezionato in base alla granulometria richiesta.

 

 

Il frangipasta di CMB ha un ruolo importante nella prerompitura del prodotto di scarto prima della macinazione. Adatto alla frantumazione di sfridi di pasta secca, può essere dotato di una coppia di rulli o di alberi rotanti muniti di palette per ottenere una frantumazione uniforme del prodotto di scarto.

 

 

Grazie alla sua versatilità, questa macchina può essere installata anche all’interno di impianti esistenti. Ha una capacità produttiva che può raggiungere gli 8.000 kg/ora e ottiene pezzature che arrivano fino a 3-4 mm agevolando la fase successiva di macinazione. Il carico può avvenire in modo manuale o automatico mentre lo scarico avviene con invio pneumatico a silo dedicato.

Per avere maggiori informazioni o per richiedere una soluzione personalizzata, contattaci!